Archiviato perCennino Cennini

Firenze e il “primato” del disegno, il Gabinetto disegni e stampe degli Uffizi per i Disegni più Belli

E’ in terra di Toscana che viene teorizzato il primato del disegno come fondamento di tutte le arti, ne sono prova le numerose dichiarazioni e principi espressi negli scritti d’arte dell’epoca, ad iniziare da Cennino Cennini nel suo Libro dell’arte quando scrive “ El fondamento dell’arte, e di tutti questi lavorii di mano, il principio,…

Firenze, agli Uffizi la più grande collezione di disegni iniziata da Lorenzo il Magnifico

“ Sai che ti avverrà, praticando il disegnare di penna? Che ti farà sperto, pratico e capace di molto disegno entro la testa tua”. E’ Cennino Cennini che nel suo “Libro dell’arte” scritto tra il Trecento e il Quattrocento affermava un concetto già messo in pratica negli ambienti figurativi post giotteschi, l’importanza del disegno alla...

Giotto, colui che “rimutò l’arte del dipingere di greco in latino e ridusse al moderno”

Come ben precisato da Cennino Cennini alla fine del Trecento “ Giotto rimutò l’arte del dipingere di greco in latino e ridusse al moderno”, abbandonato l’astratto simbolismo dei modelli bizantini l’opera di Giotto fu capace di infondere vitalità nei personaggi rappresentati mettendo in scena azioni concrete. I personaggi dei cicli pittorici sacri abbandonano così il...

Giotto “…et ebbe l’arte più compiuta ch’avessi mai più nessuno”

“Rimutò l’arte di dipingere di greco in latino, e ridusse al moderno: et ebbe l’arte più compiuta ch’avessi mai più nessuno”. E’ Cennino Cennini nel suo Il libro dell’Arte scritto alla fine del Trecento a dare la definizione più sintetica ed efficace che caratterizza la rivoluzione messa in pratica da Giotto nella pittura dell’epoca e...