Home / Fountain pen / Una “Casa ispirata” per Luigi Pirandello a 150 anni dalla nascita

Una “Casa ispirata” per Luigi Pirandello a 150 anni dalla nascita

Sulla scrivania del suo studio, ancora oggi, accanto alle copertine in pelle per i manoscritti e a tutto l’occorrente per la scrittura, calamaio, boccette per inchiostro e carte, la foto di Marta Abba, il grande amore della sua vita, colta in un’espressione felice mentre guarda dritta verso l’obiettivo della macchina fotografica. Siamo in via Bosio 13/b nel quartiere nomentano di Roma nel villino di Luigi Pirandello, ieri residenza del celebre drammaturgo, oggi Casa Museo e sede dell’Istituto di Studi Pirandelliani e per la Drammaturgia Pirandelliana.

E’ qui che mercoledì 28 giungo prenderanno il via i festeggiamenti in suo onore nell’anniversario dei 150 anni dalla nascita avvenuta a Girgenti nel 1867 e che proseguiranno per tutto il 2017. Una grande festa animerà il giardino e la casa museo tornerà ad essere una “Casa ispirata” con performance, proiezioni, interventi multimediali, un progetto a cura di Annamaria Andreoli, Dina Saponaro e Lucia Torsello con la regia di Fernando Maraghini e Maria Erica Pacileo, con un susseguirsi di voci, proiezioni, letture, performance musicali che sveleranno gli aspetti più nascosti di Pirandello attraverso il racconto di coloro che vissero a stretto contatto, i figli, l’attrice Marta Abba, gli amici.

Oltre a scoprire i luoghi dove il maestro visse e lavorò, recentemente restaurati, dopo il tramonto, “Ombre pirandelliane”, un progetto di videomapping a cura di Luca Ruzza e Antonella Ottai, che proietterà sulla facciata dell’edificio proiezioni digitali in 3D di appunti, ritratti dello scrittore, stesure di celebri opere, bozze di celebri capolavori letterari come “Sei personaggi in cerca d’autore” e copertina disegnate dallo stesso Pirandello.

Intanto domani nei giardini dell’Accademia Filarmonica Romana sarà reso omaggio a Luigi Pirandello con una serata tra musica, teatro e letteratura in collaborazione con l’Istituto Studi Pirandelliani dal titolo “Dialoghi tra il Gran Me e il piccolo me” e al termine dello spettacolo un brindisi allo scoccare della mezzanotte e dell’anniversario.

 

 

 

 

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *