Home / Bibliofili / Una Legenda Maior in onore di San Francesco

Una Legenda Maior in onore di San Francesco

Domenica 4 ottobre la chiesa festeggia S. Francesco, proclamato insieme a Santa Caterina da Siena, Patrono d’Italia il 18 giugno del 1939 da Papa Pio XII. La cittadina di Assisi sarà invasa da migliaia di fedeli provenienti da tutto il mondo in occasione dei festeggiamenti e quest’anno è toccato alla regione Lombardia l’offerta dell’olio che alimenta la lampada posta a veglia dei resti mortali del Santo che verrà accesa dal Sindaco di Milano.

Un evento che sarà seguito dalla stampa internazionale e che culminerà nella celebrazione della S. Messa nella Basilica Superiore di San Francesco, alla quale parteciperà anche l’Arcivescovo di Milano, il Cardinale Angelo Scola. Fu il 16 aprile del 1209 che Papa Innocenzo III concesse la sua approvazione alla formula vitae con la quale Francesco D’Assisi e i suoi confratelli si impegnavano a vivere in povertà, obbedienza e castità, seguendo la dottrina e l’esempio di Gesù Cristo. E’ l’atto di nascita dell’Ordine francescano, con il quale il pontefice approvò la Regola e diede mandato di predicare la penitenza.

Con l’affresco dedicato a La conferma della Regola, sulle pareti della Basilica Superiore di Assisi preceduto dal Sogno di Innocenzo III, Giotto dette una mirabile descrizione dell’evento. Due momenti che inaugurano un cammino di fede di oltre Ottocento anni durante i quali Assisi è divenuta la culla di una straordinaria vicenda religiosa e umana che ne ha fatto la capitale mondiale della pace e della spiritualità. Attraverso i secoli, dal piccolo centro nel cuore dell’Umbria, il messaggio del “poverello” si è diffuso in tutto il mondo, abbracciando uomini di ogni credo e nazionalità, sotto il segno universale e globalizzante dell’umiltà e della carità.

Vallecchi ha voluto dedicare al Santo d’Assisi l’unica riproduzione integrale in edizione facsimile del manoscritto Vittorio Emanuele 411, il più importante codice miniato della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, contente una delle più antiche e preziose redazioni della Legenda maior sancti Francisci, la biografia ufficiale del Santo di Assisi scritta da san Bonaventura da Bagnoregio per mandato dell’Ordine dei frati minori e approvata dal Capitolo generale di Pisa nel 1263. Testo di riferimento sulla vita del Santo, è dalla Legenda maior che furono tratti gli affreschi dipinti da Giotto tra la fine del Duecento e gli inizi del Trecento per raccontare una vicenda umana e mistica tra le più intense e rivoluzionarie della civiltà occidentale.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *