Home / Da Collezione / A Palazzo Pitti riapre al pubblico “Il Quartiere del Volterrano”

A Palazzo Pitti riapre al pubblico “Il Quartiere del Volterrano”

Palazzo Pitti, Quartiere del Volterrano

Riapre i battenti, dopo mesi di lavori e restauri, il Quartiere del Volterrano nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti. Quest’ala della reggia, che ai tempi dei Medici accoglieva le stanze private della Granduchessa Vittoria della Rovere, è da tempo indicata con il nome del pittore seicentesco Baldassarre Franceschini , detto appunto il Volterrano, che vi realizzò alcuni affreschi.

Cinque le sale di tesori d’arte che sono  tornate visitabili al pubblico:  la Sala delle Allegorie, dove è accolto uno dei più celebri dipinti dello stesso Volterrano, la Burla del Pievano Arlotto, oltre allo splendido marmo ottocentesco di Emilio Zocchi raffigurante Michelangelo bambino, la Sala delle Belle Arti, che ospita il Cristo Risorto di Rubens, la sala di  Ercole, per la prima volta accessibile al pubblico,  così denominata per i grandi affreschi del pittore neoclassico Pietro Benvenuti che narrano le Fatiche di Ercole, la Sala dell’Arca, dove le pareti sono decorate con la bellissima Processione guidata da Re David con l’Arca dell’Alleanza, opera di Luigi Ademollo e per concludere  la Sala della Musica, attraverso la quale è possibile riconnettersi al normale itinerario di visita della Galleria Palatina. Il percorso nelle sale del Quartiere del Volterrano, è, ovviamente, rispettoso di tutte le misure di distanziamento previste dalla normativa anti-Covid.

Il capo della Divisione Operativa e del Dipartimento Sicurezza delle Gallerie degli Uffizi, Maurizio Catolfi: “Il nuovo itinerario, rigorosamente a senso unico, è stato ideato e allestito nella piena osservanza delle disposizioni anti contagio e permette per la prima volta di visitare una parte del quartiere del Volterrano con un itinerario insolito e inedito”.

Alla riapertura del Quartiere del Volterrano si aggiunge il grande successo della mostra “Ai piedi degli dei”, dedicata alle calzature nell’antichità, terminata la scorsa domenica: a visitarla dal 17 dicembre 2019 al 20 settembre 2020, con l’interruzione del lockdown,  sono stati infatti 197.670 visitatori. Considerato il periodo e le limitazioni degli accessi, è un risultato straordinario e inoltre attesta il crescente apprezzamento della Reggia medicea, lorenese e sabauda da parte dei visitatori. Rimarrà consultabile la versione virtuale della mostra (https://www.uffizi.it/mostre-virtuali/ai-piedi-degli-dei).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *