fbpx

Archiviato perDante Alighieri

Ai Musei San Domenico apre al pubblico “Dante. La visione dell’arte”

Dante. La visione dell’arte, grande esposizione sulla figura del Sommo Poeta  allestita nei Musei San Domenico a Forlì da oggi  è aperta al pubblico fino all’11 luglio. Un percorso espositivo ricchissimo, in un arco temporale che va dal Duecento al Novecento, con l’obiettivo di presentare le molteplici traduzioni figurative della potenza visionaria di Dante. Per…

Per i 700 di Dante Alighieri una stilografica dedicata a Fernando Corona

La nuova stilografica di Firenze 1903 realizzata in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri è  dedicata alla figura di  Fernando Corona che, con la sua prematura scomparsa, nel 2020, ha lasciato un vuoto incolmabile nell’editoria e nella cultura italiana e in tutti coloro che lo hanno conosciuto e hanno apprezzato la sua…

” Dante, la visione dell’arte”, I capolavori degli Uffizi in mostra a Forlì per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta

Nell’ambito delle celebrazioni nazionali dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, promosse dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali per l’anno 2021, le Gallerie degli Uffizi e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì realizzeranno la grande mostra ‘Dante. La visione dell’arte’, che si terrà negli spazi dei Musei San Domenico di Forlì…

Divina Commedia. La Beatrice di Sandro Botticelli come la Venere-Simonetta Vespucci

Dante e Beatrice vengono rappresentati dentro una serie di cerchi concentrici, la forma che rappresenta al meglio la perfezione di Dio, in uno spazio rarefatto ed essenziale, quasi visionario, dove i personaggi vengono definiti da semplici linee del disegno. Siamo all’apice del viaggio all’interno della Divina Commedia così come Sandro Botticelli la interpretò alla fine…

“Savia non fui, avvegna che Sapìa / fossi chiamata, e fui delli altrui danni / più lieta assai che di ventura mia”:

“Savia non fui, avvegna che Sapìa / fossi chiamata, e fui delli altrui danni / più lieta assai che di ventura mia”: è dedicata alla figura di Sapia Salvani la gentildonna senese vissuta tra il 1210 e il 1278 che Dante cita nel tredicesimo Canto del Purgatorio dove il sommo poeta incontra gli invidiosi, la…

Dantis Amor, una gemma dell’arte libraria nei 600 anni dell’anniversario dantesco

Vita Nova
“Il magnifico volume, gemma dell’arte libraria italiana, chiuso in una coperta di seta violetta fremente di arabeschi d’oro che s’aprono per lasciare il campo al vago intreccio di lettere tessute d’argento Dantis amor che dichiarano il libro, ferma nelle pagine rese calme e quiete da un’intonazione giallognola di pergamena la trascrizione dell’operetta dantesca fatta con...

Un capolavoro miniato in onore del Sommo poeta, la Vita Nuova

Vita Nova

Se la “Divina Commedia” è l’opera più complessa, voluminosa e nota di Dante Alighieri, la “Vita Nuova” è il suo componimento poetico più elevato, in cui, insieme alla stupenda storia del suo amore per Beatrice, il Sommo Poeta racchiude tutti i propri insegnamenti stilistici. La “Vita Nuova” è il vero manifesto dello Stil Novo e…