Home / Creazione / Codice Resta

Codice Resta

  • Riproduzione facsimilare dell’originale.
  • Volume di 240 pagine formato cm. 37,2×52.
  • Carta speciale appositamente realizzata dalle Cartiere Miliani di Fabriano.
  • Rilegatura artigianale in pelle, con impressioni in oro, che riproduce fedelmente l’originale.
  • Contenuto in un elegante cofanetto.
  • Tiratura limitata a soli 1000 esemplari numerati.

Questa opera fu realizzata in occasione del centenario della storica casa editrice Vallecchi.

Volti della Vergine

Tre secoli fa il conte milanese Sebastiano Resta poneva mano ad una raccolta di disegni che per tipologia, qualità e quantità dei soggetti non aveva precedenti e non avrebbe avuto eguali. Erudito e plurilaureato, Resta visse a Roma dove entrò nella congregazione dell’Oratorio fondata da San Filippo Neri e abitò nella casa dei Filippini alla Chiesa Nuova, dove cominciò a raccogliere disegni originali, bozzetti, studi, miniature dei più grandi artisti a lui contemporanei o che lo avevano preceduto. Resta riunì questa straordinaria collezione in un volume che egli stesso denominò “Galleria portatile”, un vero museo itinerante nel quale è possibile seguire le tracce degli stili e degli artisti che avevano caratterizzato le età precedenti e che soprattutto segnavano il XVII secolo. Intese così coprire l’intero arco dell’arte italiana da Giotto fino ai suoi giorni, offrendo un’antologia di disegni dei “capi delle quattro scuole Fiorentina antica, Romana antica e moderna, Lombarda antica, Veneziana antica e moderna”. Su ogni pagina il collezionista annotò di suo pugno notizie, informazioni, considerazioni e aneddoti, come quando scrive “Quindi nacque il proverbio: tu sei più tondo che l’O di Giotto”. Il volume così concepito venne dato alla Biblioteca Ambrosiana di Milano che tutt’ora lo custodisce e che ha consentito in esclusiva alla Vallecchi di riprodurre la selezione delle cento tavole più belle.

ISTITUZIONI

L’originale di questa eccezionale opera è oggi in restauro presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. La sua riproduzione, possibile grazie alla concessione della Biblioteca Ambrosiana di Milano, consente quindi l’esclusività della consultazione a chi di questa eccezionale opera entrerà in possesso. Il Prefetto della Biblioteca Ambrosiana, Mons. Gianfranco Ravasi ha personalmente steso la prefazione dell’editore facsimilare. Una nota introduttiva è stata scritta dal Prof. Salvatore Italia, Direttore Generale nel Ministero dei Beni Culturali.

AUTORI

Questi i principali autori delle tavole contenute nel volume: Leonardo da Vinci, Giotto, Masaccio, Piero della Francesca, Giovanni Bellini, Perugino, Pollaiolo, Filippo Lippi, Ghirlandaio, Raffaellino del Garbo, Michelangelo Buonarroti, Botticelli, Bramante, Tiziano, Dürer, Dosso Dossi, Daniele da Volterra, Raffaello, Perin del Vaga, Baccio Bandinelli, Baldassarre Peruzzi, Rosso Fiorentino, Raffaello del Colle, Giulio Mazzoni, Giorgio Vasari, Francesco Brizio, Mantegna, Correggio, Parmigianino, Barocci, Tintoretto, Bernardino Luini, Aurelio Luini, Giulio Campi, Taddeo Zuccari, Federico Zuccai, Pomarancio, Cavalier d’Arpino, Hendrik Goltzius, Agostino Carracci, Annibale Carracci, Lodovico Carracci, Guido Reni, Domenichino, Guercino, Bernini.

Richiesta Informazioni

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *